Concetti di base dell’apprendimento a distanza e come introdurlo nell’organizzazione didattica

Classter, in collaborazione con Dimitrios I. Sotiropoulos, Ph.D. (educatore e formatore in tecnologie digitali, professore dell’Università della Tessaglia), presenta una nuovissima serie di articoli incentrati sull’informazione degli educatori sui vari concetti di insegnamento a distanza. Attraverso questi articoli, ci proponiamo di offrire suggerimenti pratici che migliorino la capacità dell’educatore di svolgere efficacemente l’insegnamento a distanza, con l’uso delle più recenti tecnologie.


Con l’esplosione del COVID-19, stiamo osservando un enorme sforzo per progettare e implementare iniziative di apprendimento a distanza a tutti i livelli dell’istruzione, K12 e superiore, sia per le scuole private che per quelle pubbliche. A seconda del Paese e della struttura specifica di ogni sistema educativo, abbiamo visto che alcune istituzioni erano già pronte ad affrontare la nuova situazione, mentre la maggior parte delle istituzioni ha dovuto adattarsi “al volo” alla nuova situazione.

Sulla base della nostra esperienza in Grecia e nell’Europa sudorientale, gli educatori discutono per la prima volta i concetti e i processi relativi all’apprendimento a distanza e all’istruzione online e cercano di capire come questi possano essere implementati nel processo di insegnamento quotidiano.

Riteniamo che questo sia il momento giusto per introdurre e spiegare i concetti di base dell’apprendimento a distanza e fornire alcuni consigli e strumenti pratici che metteranno gli educatori in grado di affrontare le nuove sfide che stanno incontrando.

L'apprendimento a distanza e come introdurlo nella vostra organizzazione educativa

Quali sono i concetti di base della formazione a distanza

La comunicazione a distanza a scopo didattico può avvenire in modi diversi e si rivolge a diverse categorie di discenti (studenti, educatori, professionisti, dirigenti), con obiettivi diversi per ciascuna categoria. Come si può facilmente capire, èfondamentalmente diverso essere un adulto che segue un MOOC online dall’essere un giovane studente che partecipa a un processo di apprendimento organizzato che assomiglia al tipico processo di apprendimento in un’aula fisica.

Se, ad esempio, l’obiettivo dell’apprendimento a distanza è quello di offrire un corso universitario online, l’intero allestimento dell’ambiente digitale deve essere adattato alle esigenze specifiche di questo pubblico. Possiamo naturalmente suddividere le forme di comunicazione a distanza per il processo educativo in parti distinte, al fine di individuare il tipo di approccio da seguire.

Tuttavia, ci sono alcuni aspetti comuni a tutti i tipi di comunicazione a distanza, come l’uso di telecamere, microfoni, l’aula virtuale, la condivisione di spazi per documenti e altro ancora.

In ogni caso, ci sono due concetti fondamentali nell’apprendimento a distanza: l’ apprendimento asincrono (in cui le due parti non comunicano in tempo reale) e l’apprendimento sincrono (in cui le due parti comunicano in tempo reale).

Il ruolo della piattaforma di comunicazione online

L’ambiente centrale in cui si svolge il processo di apprendimento a distanza è la piattaforma di comunicazione online. Il termine “piattaforma” si riferisce a un ambiente online con funzionalità che consentono la creazione di sezioni separate, l’assegnazione di ruoli distinti ai partecipanti e la possibilità di comunicazione diretta tra tutti gli interessati.

Un esempio semplice di questa definizione sono i social network come Facebook, Twitter, Instagram (con obiettivi di comunicazione completamente diversi, ovviamente), dove gli utenti hanno ruoli distinti e possono comunicare tra loro in vari modi.

Il concetto di apprendimento asincrono si riferisce al processo in cui lo studente deve seguire un corso o un insieme di materiali didattici al proprio ritmo. In questo tipo di processo di apprendimento a distanza, i docenti caricano il materiale didattico sulle piattaforme online che consentono questo tipo di comunicazione asincrona, come Moodle, Blackboard, Classter, ecc.

Il concetto di apprendimento sincrono si riferisce al processo di “simulazione” dell’aula fisica con gli educatori e gli studenti in lineain un ambiente di classe virtuale allo stesso tempo.

Esistono molte piattaforme diverse, ampiamente disponibili, che offrono funzionalità per la creazione di ambienti di apprendimento sincroni e asincroni. Pochi sono in grado di combinare entrambi gli ambienti in un’unica piattaforma. Ad esempio, SMS Classter, basato sul cloud, offre alle istituzioni scolastiche la possibilità di passare dall’apprendimento sincrono a quello asincrono, a seconda delle esigenze del corso o della materia specifica. Il modo per farlo è disporre di integrazioni pronte all’uso con strumenti popolari come MS Teams, Cisco Webex, Zoom (per l’apprendimento sincrono) e Moodle (per quello asincrono).

L’apprendimento a distanza nell’era COVID-19

L’apprendimento a distanza è sorto in risposta alla crisi COVID-19 non solo come opzione ma anche come necessità per consentire agli studenti di rimanere in contatto con il processo educativo. Le istituzioni si trovano a dover progettare e implementare iniziative di formazione a distanza in entrambi i formati (sincrono e asincrono) in una frazione del tempo altrimenti necessario. In questo tipo di situazione, in cui l’allontanamento sociale è la nuova norma, la definizione delle priorità può fare la differenza tra il farcela o il fallire.

Oltre agli aspetti tecnici, però, è importante prendere in considerazione lo stato psicologico di tutte le parti interessate. Le organizzazioni educative dovrebbero concentrarsi anche sulla fornitura di supporto psicologico, sulla responsabilizzazione degli studenti e sulla rimozione delle barriere comunicative in entrambi i sensi (studenti e insegnanti).

Saper formare tutte le parti interessate, per creare un efficiente sistema di apprendimento a distanza

La progettazione e l’implementazione efficace di iniziative di formazione a distanza, nel contesto della pandemia, richiede un approccio attento e graduale. Questo approccio non deve essere necessariamente lineare, poiché potrebbe esserci un diverso livello di familiarizzazione con gli strumenti e i concetti da un’istituzione educativa all’altra.

In primo luogo, il team IT dell’organizzazione educativa deve creare una lista di controllo per valutare le funzionalità dell’attuale Sistema Informativo Studenti e le risorse umane disponibili. È anche importante valutare le competenze digitali degli studenti, degli insegnanti e persino dei genitori (nel caso in cui questa valutazione non sia stata fatta in passato).

L’obiettivo è identificare lo stack informatico appropriato che permetta a tutti gli stakeholder di partecipare all’ambiente di apprendimento a distanza e di offrire un supporto aggiuntivo alle persone più bisognose.

Come preparare il team IT dell’istituto scolastico

Quindi, dopo aver preparato la lista di controllo e averla esaminata, il team IT deve assicurarsi che tutti gli studenti siano in grado di accedere alla piattaforma di apprendimento a distanza selezionata con indirizzi e-mail validi (in alternativa possono usare quelli dei genitori), che i genitori siano consapevoli del processo e che abbiano dato il consenso legale necessario per far partecipare i loro figli al processo di apprendimento sincrono.

In generale, deve essere disponibile una documentazione legale che chiarisca le questioni relative ai diritti legali e alla protezione dei dati personali, preferibilmente in un formato che consenta ai genitori di firmarla digitalmente.

Inoltre, gli specialisti IT devono specificare le best practice per la piattaforma di apprendimento sincrono selezionata e informare gli stakeholder di conseguenza, in base al loro ruolo. Ad esempio, devono effettuare configurazioni del sistema relative all’uso di telecamere, microfoni, ruoli degli utenti, accesso ai file e possibilità di comunicazione 1 a 1.

Nel caso in cui le parti interessate abbiano familiarità con l’utilizzo di strumenti simili, l’istituto scolastico può iniziare immediatamente con le sessioni di apprendimento sincrono con la piattaforma selezionata (piattaforme indicative: Microsoft Teams, BigblueButton, Zoom, Cisco Webex, Blackboard Collaborate, ezTalks Webinar, WizIQ VirtualClassroom, AdobeConnect) impostando il quadro della collaborazione tra le parti interessate.

La realtà è che non esiste uno strumento “unico” per la comunicazione online. Alcune piattaforme sono più compatibili con le riunioni dei dirigenti, mentre altre sono state concepite per soddisfare le esigenze dell’apprendimento sincrono nel contesto di cui stiamo parlando. La cosa più importante è trovare una piattaforma in grado di “replicare” le funzioni dell’aula fisica in un ambiente digitale.

È importante avere la possibilità di allineare le sessioni di insegnamento online con il programma educativo esistente della scuola, le classi, le materie, i periodi di valutazione e così via. I sistemi avanzati di gestione delle informazioni sugli studenti, come Classter, possono offrire questo tipo di funzionalità a un’organizzazione educativa. In seguito, quando l’ambiente di apprendimento a distanza sarà “vivo”, il processo di insegnamento richiederà l’uso di uno strumento di apprendimento asincrono, complementare a quello sincrono, per poter scambiare incarichi, compiti, materiale didattico, ecc. Questa combinazione di piattaforme sincrone e asincrone fornirà uno stack informatico completo che renderà possibile la continuità del processo di educazione fisica nell’ambiente digitale.

Come insegnanti e studenti dovrebbero prepararsi all’apprendimento a distanza

Per snellire il processo, è meglio coinvolgere gli insegnanti che hanno già familiarità con gli strumenti e i processi di apprendimento a distanza, in quanto saranno in grado di introdurre gli studenti a questa nuova realtà in modo più efficace.

Se non esiste questa “massa critica” di insegnanti esperti, le organizzazioni educative dovrebbero innanzitutto organizzare sessioni di formazione per gli educatori riguardo agli strumenti che utilizzeranno ed eseguire simulazioni del processo con giochi di ruolo. È fondamentale che gli insegnanti sappiano come utilizzare la tecnologia selezionata, in quanto ciò consentirà loro di concentrarsi sull’insegnamento vero e proprio, invece di perdere tempo a risolvere i problemi durante la sessione di insegnamento online.

Inoltre, se gli studenti non hanno familiarità con nessuno dei due tipi di apprendimento a distanza, è meglio utilizzare un ambiente online snello solo per la semplice comunicazione iniziale, per poi dedicare un po’ di tempo all’introduzione dei nuovi strumenti a tutti. È molto importante rimanere in contatto con gli studenti fin dai primi giorni di chiusura della scuola, per dare loro la sensazione che il processo educativo non sia stato interrotto.

In questo senso, l’organizzazione didattica deve agire secondo un piano rigoroso e comunicare chiaramente agli studenti quali sono gli strumenti di apprendimento a distanza che verranno utilizzati e qual è il modo ottimale per utilizzarli. È utile spiegare in modo semplice le funzionalità di base di ogni strumento, per eliminare tutto lo stress derivante dall’introduzione di questo nuovo processo.

Conclusione

Sebbene i concetti di classe virtuale e di apprendimento a distanza siano piuttosto popolari negli ultimi anni, sono entrati realmente nella vita della maggior parte degli insegnanti e degli studenti a causa della crisi COVID-19. Di conseguenza, è di grande importanza fornire a tutti gli attori di un’istituzione educativa (IT, amministrazione, educatori, studenti) gli strumenti e le linee guida appropriate per creare un ambiente digitale in grado di soddisfare le esigenze specifiche di insegnanti e studenti.

Le piattaforme di apprendimento sincrone e asincrone sono gli strumenti più importanti che le istituzioni educative possono mettere in atto per creare un ambiente di apprendimento a distanza pienamente funzionale che assomigli, per quanto possibile, all’aula fisica e che, allo stesso tempo, aiuti gli studenti a costruire le loro future competenze digitali.


Nel secondo articolo della serie, analizzeremo ulteriormente i metodi sincroni e asincroni di apprendimento a distanza. Scoprite i vantaggi di ciascuna metodologia e gli esempi pratici del loro utilizzo in un ambiente scolastico K12.

Domande frequenti

Quali sono i concetti di base dell’apprendimento a distanza?

L’apprendimento a distanza comprende l’apprendimento asincrono e sincrono, utilizzando piattaforme online per la comunicazione a distanza tra educatori e studenti.

In che modo Classter vi aiuta nelle iniziative di formazione a distanza?

Classter offre funzionalità per ambienti di apprendimento sia sincroni che asincroni, consentendo alle istituzioni educative di passare senza problemi all’insegnamento e all’apprendimento a distanza.

Quali sono le differenze tra apprendimento sincrono e asincrono?

L’apprendimento sincrono prevede la comunicazione in tempo reale tra educatori e studenti, mentre l’apprendimento asincrono permette agli studenti di impegnarsi con il materiale del corso al proprio ritmo senza interazione in tempo reale.

Il nostro team è pronto ad aiutarvi a configurare Classter per il successo della vostra istituzione!

Saremo lieti di parlare di come possiamo lavorare insieme per aiutarvi a sbloccare il pieno potenziale di produttività della vostra istituzione.

Trova altri articoli

Articoli correlati

Scelta del redattore

footer form background spheres

Unitevi alle centinaia di organizzazioni
che utilizzano Classter per aumentare l'efficienza di
e semplificare i processi.

Grazie a una piattaforma che renderà la gestione di ogni aspetto della vostra istituzione semplice ed efficiente, potrete sbloccare il pieno potenziale della vostra istituzione. Il nostro team è sempre pronto ad aiutarvi a iniziare.